Febbraio 2019 | Programma mensile dei Giovedì Minervali.

La Società di Minerva, per il mese di febbraio 2019, intende riflettere su alcuni aspetti della storia letteraria di Trieste ancora poco conosciuti. Si tratta, nel primo e terzo incontro, di episodi legati al periodo della Seconda Guerra mondiale, in stretta relazione alle celebrazioni in occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio) e grazie alla collaborazione avviata quest’anno con il Museo della Comunità Ebraica di Trieste – Carlo e Vera Wagner. Strettamente legato alle parole, un altro aspetto da non trascurare riguarda l’attività di traduzione interpretazione che si affronta in campo letterario.

Gli incontri si terranno, come di consueto, presso la Sala conferenze della Biblioteca Statale “Stelio Crise” sita in Largo Papa Giovanni XXIII 6 nelle giornate di giovedì 7, 14, 21 e 28 febbraio 2019 alle ore 16.45.

Il primo argomento affrontato, il 7 febbraio, sarà «Il dovere di testimoniare». Pagine di triestini dai lager nazisti, oggetto di una tavola rotonda con Sergio Franco (autore di un saggio su Bruno Piazza), Elvio Guagnini, Dunja Nanut (presidente della sezione triestina dell’Associazione Nazionale ex deportati dai lager nazisti), Neva Zaghet (Liceo “Prešeren). Il doloroso capitolo della letteratura concentrazionaria, come viene chiamata quella relativa alle testimonianze dai lagernazisti, comprende diversi scritti – di grande rilievo – di triestini, italiani e sloveni. Nell’incontro si farà riferimento, tra gli altri, a libri drammatici e profondi come Necropolidi Boris Pahor, Mauthausen bivacco della morte di Bruno Vasari, Perché gli altri dimenticano  di Bruno Piazza, Dachau di Baldo “Aldo” Crismani, Feldpost 15843 di Livio Rosignano, Quattordicimiladuecentoventisette! Presente.di Alvise Barison, Partigiano e deportato di Riccardo Gorup-Goruppi, Auschwitz è di tutti di Marta Ascoli.

Giovedì 14 febbraio Lorenza Rega, germanista e direttrice del Dipartimento di Scienze Giuridiche, del Linguaggio, dell’Interpretazione e della Traduzione dell’Università degli Studi di Trieste, si soffermerà sul tema Trieste, città di traduttori affrontando il rapporto tra le vicende di una città dove si incontrano culture diverse e una storia di mediazioni culturali e di attività traduttive di rilievo nella prospettiva di una cultura europea.

Il tema del terzo incontro del 21 febbraio, tenuto daWaltraud Fischer (Archivio e Centro di Documentazione della Cultura Regionale), sarà Una piccola Bloomsbury dell’Alto Adriatico. La Trieste di Gerti Frankl e di Bobi Bazlen. Autrice del recente volume Gerti, Bobi, Montale & C. Vita di un’austriaca a Trieste (Parma, Diabasis), Fischer illustrerà un particolare capitolo della cultura triestina tra le due guerre attraverso l’analisi di lettere e documenti d’archivio su alcuni suoi protagonisti (tra i quali Gerti Frankl, Bobi Bazlen, Italo Svevo, Eugenio Montale, Umberto e Linuccia Saba, il “solariano” Pino Menassè) e le vicende biografiche di Gerti Frankl da Graz a Trieste negli anni tra le due guerre e in quelli drammatici della persecuzione antiebraica e della sua fuga da Trieste dopo una delazione alle SS. 

Giovedì 28, infine, Anna Storti (Università di Trieste) e Giuseppe Sandrini (Università di Verona) proporranno i primi risultati di una ricerca in corso su carte d’archivio di Carlo e Giani Stuparich, che darà luogo, prossimamente, alla pubblicazione di una serie di volumi.

Di seguito, il del mese di febbraio.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

GIOVEDI MINERVALI

Programma di febbraio 2019

Gli incontri culturali della Società di Minerva si svolgono nella sala al secondo piano della BIBLIOTECA STATALE “STELIO CRISE” (Largo Papa Giovanni XXIII, 6), con il seguente calendario:

giovedì 7 febbraio, ore 16.45
Sergio Franco, Elvio Guagnini, Dunja Nanut, Neva Zaghet
«Il dovere di testimoniare». Pagine di scrittori triestini nei lager nazisti (su Marta Ascoli, Alvise Barison, Baldo “Aldo” Crismani, Riccardo Gorup-Goruppi, Boris Pahor, Bruno Piazza, Livio Rosignano, Bruno Vasari).

giovedì 14 febbraio, ore 16.45
Lorenza Rega (Dipartimento di Scienze Giuridiche, del Linguaggio, dell’Interpretazione e della Traduzione dell’Università degli Studi di Trieste)
Trieste, città di traduttori.

giovedì 21 febbraio, ore 16.45
Waltraud Fischer (Archivio e Centro di documentazione della cultura regionale)
Una piccola Bloomsbury dall’alto Adriatico: Gerti, Bobi, Montale & Ci.

giovedì 28 febbraio, ore 16.45
Giuseppe Sandrini (Università di Verona) e Anna Storti (Università degli Studi di Trieste)
«Stuparich prima di Stuparich». Tra diari e lettere inedite.

 

Lascia un commento