Extraserie n. 17 | Antonio Lasciac. Un architetto tra Italia, Egitto e Slovenia. Storia, disegno, tecnica.

L’edizione digitale dell’Extraserie numero 17 dal titolo

“ANTONIO LASCIAC.
UN ARCHITETTO TRA ITALIA, EGITTO E SLOVENIA
Storia, Disegno, Tecnica
Atti della Conferenza Internazionale Gorizia
10-11 dicembre 2014″

è presente nel sito della Minerva, nella sezione dedicata alle pubblicazioni, al seguente link: https://www.societadiminerva.it/demo/pubblicazioni/extraserie/

 

Il discorso inaugurale che apre l’attività della Società di Minerva il primo gennaio 1810 è tenuto da Pietro Nobile con il titolo “Sulle Arti del dissegno relativamente alla città di Trieste”. Tema, questo,“stimolante e programmatico al tempo stesso, ben adatto per tener a battesimo una neonata società culturale”: così annota Gino Pavan nel 1993. E sarà proprio l’argomento scelto che costituirà una sorta di guida preferenziale, di filo rosso nel corso della vita di Minerva. Ampia attenzione è stata dedicata nei due secoli di attività agli interventi di carattere architettonico e urbanistico sia negli incontri mensili aperti ai soci e alla cittadinanza sia nello spazio dedicato ai contributi nell’Archeografo triestino. Diventa, così, per Minerva una consolidata tradizione riflettere sul patrimonio edilizio, sui personaggi che hanno “costruito” l’immagine dei nostri territori, valorizzare modi e stili che hanno forgiato volto e carattere alle forme della città.

Una linea di pensiero che ha animato il percorso di Gino Pavan alla direzione per più di trenta anni del sodalizio, grazie alla sua formazione accademica e professionale. Sono, infatti, comparsi contributi frutto di ricerche in ambito universitario che hanno portato ad una conoscenza dettagliata delle singole espressioni urbane. Per parte di Pavan, in particolare, ampio è stato il lavoro nella scoperta di una personalità chiave nella architettura mitteleuropea quale Pietro Nobile: i suoi scritti hanno animato le pagine dell’Archeografo triestino costituendo così una indiscutibile fase della conoscenza del ticinese. Ma ancor più grazie alla attività della “minervale” Diana Barillari che, nella qualità di docente alla Facoltà di ingegneria di Trieste, ha sollecitato assieme a Pavan una serie di accurate indagini archivistiche e documentali, utili per analizzare l’ossatura portante del fare architettura a Trieste e nel territorio, in particolare tra seconda metà del ’800 e prima metà del ’900. Risultati che parlano ancor oggi sull’Archeografo.

Con queste premesse si è ritenuto importante procedere alla stampa degli atti del convegno Antonio Lasciac. Un architetto tra Italia, Egitto e Slovenia. Storia, Disegno, Tecnica curato da Alberto Sdegno, Diana Barillari, Diego Kuzmin. Pur se risalgono al dicembre 2014 i lavori congressuali, l’importanza del protagonista, la collaborazione di prestigiosi accademici, la novità della ricerca e la sua attualità hanno indotto la Società di Minerva a pubblicare la Extraserie 17 e far conoscere Lasciac, la sua personalità e la sua opera così peculiare nelle nostre terre di confine.

Rossella Fabiani
Presidente della Società di Minerva